ARTICOLO SU “RIZA ANTI AGE”,  GENNAIO 2020

DI FIAMMETTA BONAZZI CON LA CONSULENZA DI DANIEL LUMERA, GUIDA E RIFERIMENTO INTERNAZIONALE NELLA PRATICA DELLA MEDITAZIONE

 

L’ascolto attivo di brani e canzoni è capace di influenzare in senso positivo ormoni, enzimi e biomarcatori che garantiscono la salute e il benessere del nostro corpo e del nostro cervelloLa vita è ritmo, è armonia: la vita è musica.

Lo dimostra il fatto che il primo suono, quello che rivela che siamo vivi, è il battito del nostro minuscolo cuore che inizia a pulsare nel buio dell’utero di nostra madre.

Quel palpito regolare e instancabile, il primo mantra che sentiamo prima di venire al mondo, per 9 mesi scandisce lo sviluppo di ogni singola cellula del nostro corpo e, nell’arco della gestazione, risuona in sintonia con il battito materno, riempiendo di piacevoli vibrazioni la penombra liquida della sacca amniotica.

Ecco che cosa siamo: siamo suono, generato e ascoltato.

Grida e pianto al momento del parto e poi melodie da ninna nanna, sussurri, serenate, canzoni d’amore, danze e concerti, richiami di animali in campagna, il ruggito del mare, la voce del vento nelle notti invernali…

Eppure, come dimostrano le più avanzate ricerche di biologia molecolare e di neurofisiologia, l’ambiente sonoro in cui siamo immersi già nella fase prenatale e poi per il corso dell’intera esistenza, ha il potere di condizionare la nostra salute, la capacità di autoguarigione e le prospettive di longevità.

In quale modo? Ne abbiamo parlato con Daniel Lumera, guida e riferimento internazionale nella pratica della meditazione, direttore della Fondazione Internazionale MyLife Design, scrittore e saggista. Oltre che musicista.

 

PUOI LEGGERE TUTTO L’ARTICOLO, SCARICANDOLO QUI >>>

 

PER SAPERNE DI PIÙ: MANAS TRAYATI

Manas Trayati: libera la mente, purifica il cuore.

Suono e mantra fra antiche conoscenze e nuove evidenze scientifiche: è questo il titolo del convegno che si terrà il prossimo 29 febbraio a Milano, un seminario teorico-pratico per scoprire come l’ascolto in stato meditativo di alcune particolari sonorità, prodotte dagli strumenti o dalla voce, abbia la capacità di “resettare” e ringiovanire i tessuti neuronali.

Tutte le informazioni qui >>>

All’incontro, coordinato da Daniel Lumera, parteciperanno Gioacchino Pagliaro, Presidente dell’associazione Attivismo Quantico Europeo, psicologo, psicoterapeuta e direttore dell’U.O.C di Psicologia clinica ospedaliera dell’AUSL di Bologna, Gloria Nobili, Dottore in fisica e storico ricercatore presso il Museo di Fisica dell’Università di Bologna, si occupa da anni di Biofisica,  Antonio Morandi, medico neurologo direttore della Scuola di medicina ayurvedica “Ayurvedic Point” a Milano e – per la parte pratica del seminario – il percussionista Rashmi V. Bhatt, tuttora collaboratore di Sting.

Per informazioni e iscrizioni:

tel. 3939356166

email: info@manastrayati.it

www.manastrayati.it